FINANZIAMENTI, SICUREZZA E TERZO MANDATO, AL CENTRO DEI LAVORI DELL'ASSEMBLEA DEL CENTENARIO DELL'ANCI. PREOCCUPAZIONI PER LA FINANZIARIA REGIONALE DA UNA QUARANTINA DI AMMINISTRATORI LOCALI DEL FRIU...

TEMI CENTRALI DELL'ASSEMBLEA STRAORDINARIA DELL' ANCI FVG MERCOLEDI' 24 A...

TEMI CENTRALI DELL'ASSEMBLEA STRAORDINARIA DELL' ANCI FVG MERCOLEDI' 24 A PALMANOVA.

L'attuazione della Devolution dopo il referendum del 7 ottobre e il rischio di neocentralismi regionali, il ruolo dei Comuni per la Sicurezza dei cittadini, le risorse della Finanziaria e il futuro dei piccoli Enti, l'attivazione delle "Assemblee delle Autonomie locali", la modernizzazione dei servizi pubblici, il terzo mandato dei sindaci e il ruolo dei Consigli comunali. Sono stati questi i temi al centro della XVIII° Assemblea dell'Associazione dei Comuni,a Parma," 1901 Le radici della democrazia-2001 La Repubblica delle Autonomie" che si è conclusa sabato .
"Si è trattato di un appuntamento particolarmente importante - evidenzia il presidente regionale dell'ANCI, Luciano Del Frè- oltre ai temi di particolare attualità come la sicurezza dei cittadini, il centenario dell'ANCI ha fornito l'opportunità di un confronto aperto con gli esponenti del Governo sulle prossime scelte in materia di Finanziaria e Federalismo. Dopo la relazione del presidente dell'ANCI, Leonardo Domenici, che ha ribadito la volontà dei Comuni di contribuire al processo di riforma in atto, le prime risposte sono venute dal presidente della Camera dei Deputati, Pierferdinando Casini, che ha espresso, tra l'altro, la vicinanza e la solidarietà dei rappresentanti delle istituzioni per il sindaco Rudolf Giuliani ed ha ricordato il contributo decisivo di don Luigi Sturzo per affermare, tramite la costituzione dell'ANCI, i valori cardine della Sussidiarietà e dell'Autonomia, ed ha manifestato grande attenzione per i piccoli Comuni. Quindi il Ministro dell'Interno, Claudio Scajola, ha fatto appello, tra l'altro, alla responsabilità degli amministratori locali per garantire l'incolumità dei cittadini, evitando nel contempo inutili allarmismi, ed ha richiamato la difficile congiuntura economica che ha condizionato anche la scelta del tasso di compartecipazione dei Comuni al gettito IRPEF sulla quale l'intervento del sottosegretario all'Economia, Vegas ha aperto alcuni spiragli di modifica. Da tutti, intervenuto anche il Ministro degli Affari regionali, La Loggia, è poi venuta la conferma della nuova centralità che il Governo intende attribuire ai Comuni. Confidiamo - conclude Del Frè- che anche dall'Amministrazione della Regione Friuli V.G., grazie alla Specialità, vengano reali segnali in tal senso, a partire dalla Finanziaria che andremo a discutere nei prossimi giorni e sulla quale i Comuni non nascondono forti preoccupazioni che saranno, peraltro, al centro dell'Assemblea straordinaria di mercoledì 24 ottobre, a Palmanova.

Per il Friuli Venezia Giulia a Parma erano presenti una quarantina di amministratori locali, tra cui, oltre al presidente dell'ANCI FVG, Luciano Del Frè, i vice Renato Antonelli, Franco Iacop e Giuseppe Napoli, il consigliere nazionale dell'ANCI FVG, Paolo Menis, ed i sindaci di: Gorizia, Valenti, Casarsa, Colussi, Ragogna, Ebe De Monte, Basiliano, Pertoldi, Treppo Grande, Menis, Treppo Carnico, Cortolezzis, Terzo di Aquileia, Tomasin, Ravascletto, De Crignis, S. Lorenzo Isontino, Pironi, S. Dorligo della Valle, Panjerc, i vicesindaco di Tolmezzo, Bubisutti, e di Fontanafredda, assessori e consiglieri comunali di Fiumicello, San Giorgio di Nogaro, San Daniele del Friuli e altri.

Martedì, 23 Ottobre 2001