Ha preso il via la Summer School per amministratori locali in strategie di sviluppo locale e programmazione europea

Il successo della prima edizione 2017 della Summer School, con 22 giovani amministratori locali provenienti da diversi comuni della Regione FVG e uno del Veneto, ha convinto ANCI FVG, AICCRE FVG, OCSE e Informest, a riproporre convintamente nel 2018 la settimana residenziale di formazione sui temi dello sviluppo del territorio per 29 nuovi amministratori comunali provenienti da Friuli Venezia Giulia, Veneto e Trentino Alto Adige.

Il tema dello sviluppo del territorio è cruciale per il futuro delle comunità locali in un mondo che cambia e si globalizza sempre di più. La crescita della nostra Regione passa attraverso un nuovo protagonismo degli amministratori e delle loro comunità comunali. Infatti, gli amministratori locali sono chiamati a valorizzare tutte le potenzialità del territorio comunale in modo innovativo, collaborativo, integrato e nell’ottica dell’area vasta.

Al via dei lavori avvenuto questa mattina erano presenti Piero Mauro Zanin, presidente del Consiglio Regionale; Alessandro Fabbro, segretario regionale Anci; Franco Brussa presidente Aiccre e Daniele Gortan per Compa.

“Iniziativa molto interessante - ha commentato Pier Mauro Zanin - visto che i partiti hanno perso la loro funzione di formazione e scuola della politica. Bene fa Anci insieme a Compa di organizzare questa Summer School dove gli amministratori, per lo più giovani e ben divisi tra diversità di genere, hanno la possibilità di approfondire temi che poi si troveranno ad affrontare quotidiano. Lo scopo è quello di dare competenze specifiche, ma anche creare squadra e confronto tra amministratori di comunità diverse”.

“Ho deciso di aderire alla Summer School - Miriam Causero, assessore a Carlino - perché nell’ultimo periodo gli amministratori comunali, in particolare della mia zona, si sono trovati a dover collaborare per avviare delle strategie di sviluppo del territorio condivise, non più di aria comunale, ma di un territorio più vasto. Spero di apprendere delle metodologie che mi aiutino ad affrontare al meglio il mio ruolo oltre alla possibilità di confrontarmi con altri assessori e sindaci che si trovano ad affrontare ogni giorno le stessi ostacoli”.

Della stessa opinione anche il vicesindaco di Muzzana al Turgnano  Massimo Paravano: “Ritengo che la Summer school sia una straordinaria opportunità concessa agli amministratori locali di acquistare un bagaglio importante in materia di strategia e sviluppo territoriale che andremo ad applicare i prossimi anni”.

Oltre agli amministratori locali anche rappresentanti dal Trentino e dal Veneto come l’assessore alle politiche attive del lavoro e dell’Ambiente di Padova Chiara Gallani: “Un corso particolarmente interessante e che offre la possibilità di alzare lo sguardo oltre alla gestione quotidiana dei servizi per dotare la mia città di strumenti strategia di sviluppo territoriale”. 

La Summer School per amministratori locali in strategie di sviluppo locale e programmazione europea (3-7 settembre 2018) a Zovello di Ravascletto è finalizzata ad offrire ai partecipanti approcci, modelli e strumenti funzionali per saper analizzare un contesto territoriale, definire una strategia di sviluppo, declinare progetti integrati e creare reti di partenariati comunali e sovracomunali, nazionali e sovranazionali coerenti ed efficaci.

Nei cinque giorni di formazione, al via oggi, si alterneranno lezioni frontali, lavori di gruppo, analisi di casi e testimonianze di buone prassi. A metà settimana una esperienza outdoor per fare gruppo. E' prevista la presenza di esperti di sviluppo locale, programmazione e progettazione europea di livello nazionale ed internazionale selezionati da OCSE e Informest.

Immagini

Martedì, 04 Settembre 2018 - Ultima modifica: Mercoledì, 05 Settembre 2018