SGATE: PROROGATO AL 30 APRILE IL TERMINE PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE PER AVVALERSI DELLE AGEVOLAZIONI RELATIVE ALLE TARIFFE ELETTRICHE

Con una nota inviata stamattina ai Sindaci della Regione l'A.N.C.I. F.V.G. informa...

Con una nota inviata stamattina ai Sindaci della Regione l'A.N.C.I. F.V.G. informa che il decreto n. 185/2008, c.d decreto anticrisi, che ha introdotto una serie di emendamenti a sostegno delle famiglie, anche in tema di bonus elettrico, è stato recentemente convertito in legge, n. 2 del 28/01/2009. Le novità del decreto sono state recepite nel nuovo testo di delibera dell’Autorità per l’Energia Elettrica ed il Gas (AEEG). 
Le principali novità sono:
1. proroga al 30 aprile 2009 del termine ultimo per la consegna delle domande di agevolazione per godere della retroattività per il 2008;
2. validità anche del protocollo comunale come data utile per far riferimento alla retroattività, (quindi sarà sufficiente che la pratica venga protocollata dal comune prima del 30 aprile,  a breve verrà implementata una funzionalità in SGATE che consentirà di inserire anche i riferimenti del protocollo comunale);
3. estensione del bonus alle famiglie numerose (da intendersi con 4 o più figli a carico). Poiché tale dato non si evince in maniera chiara dall’ISEE è necessario che il cittadino dichiari quali tra i vari CF riportati nell’ISEE sono riferibili a figli a carico – Modulo E, in questo caso il valore dell’ISEE è elevato fino a 20.000€;
4. introduzione del Modulo A/bis per la raccolta dei dati relativi alle famiglie numerose (il Modulo A rimane valido per le altre tipologie di istanza di disagio economico);
5. estensione della potenza impegnata fino a 4,5 KW per le istanze di disagio economico presentate da soggetti con numerosità familiare (come da stato di famiglia) superiore a 4 componenti.
Il Governo, con il decreto di fine anno, ha inoltre istituito anche il bonus per le forniture di gas. L’AEEG ha avviato le procedure per la sua applicazione. Tali procedure comprendono anche una opportuna e necessaria fase di consultazione per tutti i soggetti interessati, le associazioni dei consumatori e gli operatori del settore. Ferma restando la sua decorrenza dal 1 gennaio 2009, la definizione delle regole per il riconoscimento del “bonus gas” sarà prevista entro il primo semestre 2009.
Nella nota inviata ai Sindaci l’A.N.C.I. F.V.G. informa inoltre di  aver chiesto  un incontro al referente degli 11 CAF della Regione per avviare un confronto sul prezzo delle pratiche processate (i CAF chiedono €5,00 + IVA cad. e l’A.N.C.I. nazionale indica orientativamente il costo di €2,50 + IVA cad.). Suggerisce di soprassedere dal formalizzare convenzioni con i CAF, salvo che il prezzo per pratica sia di €2,50 + IVA, in attesa dell’esito del confronto.

Lunedì, 23 Febbraio 2009