MACROREGIONE ALPINA

A Milano il 29 novembre il terzo Forum Eusalp, la rete dei referenti per le amministrazioni locali

Venerdì 29 Novembre a Milano si è svolto il Terzo Forum Annuale di EUSALP che ha visto la prestigiosa partecipazione del Primo Ministro Giuseppe Conte, del Ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie, Francesco Boccia e del Ministro francese per le politiche di coesione territoriale, Jacqueline Gourault.

Il Presidente Conte e il Ministro Boccia hanno posto l’attenzione sull’importanza delle Macroregioni come strumento per una politica che sia davvero regionale e che possa diventare un modello concreto e operativo capace di esprimere politiche vicine ai bisogni delle comunità locali, favorendo il riavvicinamento dei cittadini all’Europa. Inoltre, è stata ripetutamente sottolineata l’importanza delle aree interne come luoghi in cui intervenire con risorse specifiche per ridurre le disuguaglianze e favorire lo sviluppo socio economico delle stesse. Infine, il Ministro Boccia ha specificato la necessità di prevedere una riserva, nei fondi europei, a favore delle macrostrategie, in quanto modello avanzato di sviluppo del territorio.

In questo contesto è stato presentato il Protocollo che sancisce la nascita del NETWORK delle Anci e delle Upi delle Regioni alpine, che si pone come risposta ”dal basso” immediata e propositiva alle indicazioni di percorso tracciate dalle Autorità, come ha ben spiegato il Direttore Generale di Anci Upi Liguria, Pierluigi Vinai, nel suo intervento a nome di tutti i firmatari del protocollo: Anci UPI Piemonte, Anci Lombardia, Upi Lombardia, Anci veneto, Upi Veneto, Anci Friuli Venezia Giulia, Celva (Valle d’Aosta), Consorzio dei comuni Trentini e Consorzio dei comuni della Provincia di Bolzano. Un‘area che rappresenta 4.240 Comuni 27 Province e 4 Città Metropolitane, per una popolazione di oltre 23.000.000 di abitanti.

Il percorso metodologico si sostanzierà in 5 passaggi chiave:

1. Raccogliere, ovvero ascoltare e farsi carico dei fabbisogni delle comunità locali attraverso le indicazioni dei sindaci che le rappresentano;
2. Mediare, ovvero capire quanto e come le istanze siano compatibili con i programmi di finanziamento;
3. Condividere, ovvero capire in seno al Network quali sono le esigenze espresse e definire le priorità;
4. Negoziare, ovvero riportare nel contesto EUSALP le esigenze locali;
5. Restituire, ovvero tornare sul territorio con risposte concrete e relativi fondi per la loro attuazione.
Infatti, l’obiettivo è quello di dare vita ad una rete di referenti Eusalp per le Amministrazioni locali, che determini una partecipazione attiva delle Autonomie Locali, attraverso le loro associazioni, nella vita operativa della macro strategia (Action Group) per rispondere alle finalità della governance multilivello, elemento essenziale dei percorsi territoriali di coesione e di sviluppo economico sociale. Il Network delle ANCI e delle UPI delle Regioni Alpine diventa, perciò, strumento per rafforzare l’interazione tra le aree propriamente montane e le zone di pianura, le aree urbane e i porti, mediante un mutuo scambio funzionale. Infine, il NETWORK si propone di focalizzare in modo puntuale i fabbisogni e a declinare le azioni in risposte concrete alle problematiche delle comunità locali e dei cittadini.
Il Network nasce all’interno della Presidenza italiana di Eusalp, grazie alla collaborazione con Regione Lombardia, e nasce italiano, ma la volontà è quella di coinvolgere, durante la prossima Presidenza francese, le altre regioni europee, contattando le omologhe associazioni presenti con cui avviare strette sinergie. Alcuni contatti sono già in corso.

Martedì, 03 Dicembre 2019