FVG IN MOVIMENTO: PASSEGGIATE IN 29 COMUNI

L’idea di Federsanità A.N.C.I. F.V.G. non ha soltanto finalità salutari. Anche ambiente, turismo e socializzazione tra gli obiettivi

In Friuli Venezia Giulia, stando ai dati diffusi dalla Regione, il 33,3% della popolazione è sovrappeso, con gli obesi che sono il 12,1% (la media italiana si assesta al 10,5%). Chi pratica un’attività sportiva in modo continuativo non supera il 30%, rispetto a una media nazionale del 25,7%, percentuale che si abbassa ancora se riferita agli ultrasessantacinquenni.

In questo contesto si inserisce il progetto promosso da Federsanità Anci Fvg, che come finalità si pone la salute, la socializzazione, la valorizzazione del territorio, la salvaguardia dell’ambiente e la promozione turistica. A “Fvg in movimento, 10 mila passi di salute” (tanti, infatti, sono i passi consigliati dall’Oms per trarre benefici dal punto di vista fisico e mentale) hanno aderito 29 Comuni della Regione, che riceveranno un contributo per la realizzazione della cartellonistica oltre che per la riqualificazione e il completamento dei percorsi di cammino.

Un’iniziativa pensata per far muovere le persone, sviluppando una cultura del benessere, attraverso itinerari accessibili a chiunque, in sicurezza. Un modo per camminare, conoscere nuove persone e farlo all’aria aperta, attraversando luoghi magari poco conosciuti e con una rilevanza turistica.

Il progetto, avviato nel gennaio 2019 e reso possibile dal contributo della Regione Fvg, si avvale della collaborazione di Anci Fvg, dell'Università degli Studi di Udine, di PromoTurismoFvg e delle amministrazioni comunali. Proprio gli enti locali dovranno diventare sempre di più dei “facilitatori” per creare un ambiente favorevole all’attività fisica e motoria per tutte le età sul territorio.

Nel disegno progettuale il ruolo delle amministrazioni locali è fondamentale per la realizzazione di strategie e politiche interdisciplinari permanenti per la salute.

Nei giorni scorsi si è riunita la Commissione chiamata a esaminare le domande presentate. 
Questi i Comuni che riceveranno un contributo: Aiello del Friuli, Artegna, Azzano Decimo, Brugnera, Budoia, Campoformido, Caneva, Casarsa della Delizia, Cavazzo Carnico, Cervignano del Friuli, Clauzetto, Duino Aurisina, Fagagna, Frisanco, Majano, Montenars, Mortegliano, Moruzzo, Povoletto, Sacile, San Daniele del Friuli, San Quirino, Spilimbergo, Tolmezzo, Tramonti di Sopra, Tramonti di Sotto, Tricesimo, Turriaco e Udine.

«Si tratta di un progetto di valore – ha assicurato Gianna Zamaro, vice direttrice della Direzione Salute della Regione – che va a favore dell’invecchiamento attivo e della prevenzione dall’insorgere di alcune patologie. È importante coinvolgere i cittadini in iniziative che promuovano corretti stili di vita, anche insieme alle istituzioni locali».
Il presidente di Federsanità Anci Fvg, Giuseppe Napoli, ha ringraziato la Regione per il concreto impegno a promuovere la salute nel suo complesso, e ha rivolto un sentito apprezzamento ai Comuni aderenti e al Comitato scientifico che da gennaio 2019 ha sviluppato il progetto. Per far conoscere i nuovi percorsi predisposti dai Comuni, la Regione predisporrà un portale informatico insieme a cataloghi promozionali, cartacei e online, con tutte le informazioni utili per raggiungere i nuovi “sentieri del benessere”.

(fonte Il Messaggero Veneto)

Venerdì, 03 Gennaio 2020 - Ultima modifica: Mercoledì, 08 Gennaio 2020