DA OGGI A RIMINI LA TRE GIORNI DELL’ASSOCIAZIONE

I sindaci sono, prima che amministratori, cittadini essi stessi, in quanto tali alle prese coi problemi della vita quotidiana. A loro, che conoscono difficoltà e aspettative delle loro comunità, tocca cercare le soluzioni ai bisogni dei cittadini. Sarà questa consapevolezza a fare da filo conduttore alla 35° assemblea nazionale dell’Anci che vedrà per la quarta volta consecutiva la partecipazione del presidente della Repubblica Sergio Mattarella in apertura dei lavori.

L’Assemblea dell’Associazione, presentata ieri a Rimini e intitolata “Prima cittadini. Sindaci, fuori dal luogo Comune”, si svolgerà alla Fiera di Rimini dal 23 al 25 ottobre, ospitando come al solito, parallelamente ai lavori istituzionali, anche AnciExpo, l’incontro di grandi nomi del mondo dell’imprenditoria, con oltre 150 stand in una superficie espositiva di circa dodicimila metri quadrati, con 11 sale collaterali per ospitare oltre 60 convegni a latere.

Saranno in tutto nove le sessioni tematiche della plenaria, tre le tavole rotonde e circa 90 i relatori presenti. L’appuntamento riminese ruoterà intorno ad alcune parole chiave della Costituzione: lavoro, uguaglianza, cultura, salute, ambiente, identità ed autonomia.Una sessione sarà dedicata all’autonomia nell’ambito della Repubblica una ed indivisibile, mentre un apposito spazio alle Periferie e alle 96 città ammesse al bando dopo il ritrovato accordo con il governo per il completamento dei progetti.

Nella seconda giornata, interverranno tra gli altri il presidente dell’Anci Antonio Decaro, il sindaco di Firenze e coordinatore delle Città metropolitane, Dario Nardella, il presidente Fieg Andrea Riffeser Monti, che si soffermeranno sulle iniziative di collaborazione Anci Fieg.

Nella stessa sessione interverranno Paolo Glisenti Commissario Generale Italia per EXPO 2020 e Massimo Tononi Presidente Cassa depositi e prestiti. Nella tre giorni riminese ci saranno anche le relazioni di Paolo Maggioli, Amministratore Delegato del Gruppo Maggioli, Carlo Tamburi, Direttore Italia ENEL e di Giorgio Quagliuolo Presidente CONAI.

L’Assemblea dedicherà poi un momento particolare al tema dell’Educazione alla Cittadinanza, con la campagna di raccolta firme promossa dall’Anci per rendere obbligatoria questa materia scolastica, attraverso una proposta di legge di iniziativa popolare.

Durante la tre giorni saranno presenti nei locali della Fiera autenticatori per raccogliere le firme.“Rimini è orgogliosa di ospitare quest’anno l’assemblea nazionale Anci”, afferma il sindaco Andrea Gnassi. “Non solo per l’evento in sé, che premia una città italiana che si riconosce nel dinamismo positivo del cambiamento. Ma soprattutto per il messaggio che può e deve scaturire da questa assise, che cade in un momento delicato e particolare della nostra vicenda nazionale e del rapporto tra Stato centrale e enti locali. Perfetto il richiamo a ‘Prima cittadini’ perché comunque i Comuni restano un pilastro, il baluardo di vera democrazia più vicino ai problemi e alle istanze delle persone e delle comunità, volendo risolverle nel nome del bene comune”.

 “Adesso più che mai per il futuro del nostro Paese è necessario mettere al centro le comunità. È nelle nostre città che si coltivano i valori alla base della convivenza civile”, dichiara il presidente di Anci Emilia-Romagna Michele de Pascale. “Occorre ripartire dai Comuni, da chi è più vicino ai bisogni dei cittadini per ristabilire quel patto di fiducia reciproco alla base della società che oggi sembra venire meno. Sviluppo economico, innovazione, infrastrutturazione, lavoro, sicurezza, welfare e giustizia sociale sono parole centrali che hanno un valore ancora più grande se crescono al fianco dei cittadini”.  

“Dall’educazione alla cittadinanza alle politiche culturali e di city branding del territorio, dalla sostenibilità urbana alla valorizzazione delle nostre città e dei beni comuni. Di questo e di molto altro ancora aggiunge il segretario generale dell’Anci Veronica Nicotra discuteremo a Rimini: una tre giorni per dialogare insieme e confrontarci sulle difficoltà, i problemi ma anche sulle soddisfazioni di un mestiere complicato come quello del sindaco.

Sindaci prima di tutto cittadini, ancor prima che amministratori, che insieme alle energie delle proprie comunità locali, guardano a territori sempre più hub di sperimentazione di nuove policy urbane”.

La cerimonia di apertura, martedì 23 ottobre, vedrà alle 17.00 la relazione del presidente dell’Anci Antonio Decaro.

Ai lavori dell’assemblea plenaria parteciperanno il ministro Giulia Bongiorno (Pubblica Amministrazione) e i sottosegretari Stefano Candiani (Interno), Carlo Sibilia (Interno), Laura Castelli (Economia e Finanze) e Jacopo Morrone (Giustizia).

I lavori dell’Assemblea saranno visibili in diretta streaming dal sito dell’Anci e sul canale Twitter con l’hastag #anci2018, mentre sulla pagina Facebook Anci saranno trasmesse le dirette di alcuni momenti della tre giorni e sottoposte ai rappresentati dell’Associazione alcune domande inviate dai cittadini. 

Martedì, 23 Ottobre 2018